Cos’è il dialogo interiore?

Il dialogo interiore, rappresenta il modo di chiedere aiuto a sé stessi.

Avere sé stessi come interlocutori, è un modo di interagire, che acquisiamo sin da bambini. Il bambino, il quale nasce sobrio da tante limitazioni mentali, si affida completamente a proprio inconscio, credendo di parlare con un amico.

L’inconscio, la parte sconosciuta dell’essere, rappresenta il lato istintivo di ogni persona, quello primordiale, che sente e percepisce le cose prima che queste diventino ragione.

Il bambino, credendo di parlare con un amico immaginario, si confida con la sua persona, gli parla senza filtri, spontaneamente, senza che nessuno possa interferire.

Difficilmente si verifica l’evento, che qualcuno possa assistere durante un dialogo interiore tra il bambino e sé stesso.

Il bambino, può dire a tutti di avere un amico immaginario, con il quale si confida, ma non esporrà mai il contenuto della conversazione.

Parlare con la propria persona, significa affidarsi completamente a questa, esporre le paure che la ragione suggerisce e che l’inconscio non comprende. Vuol dire che si prova un senso di fiducia verso sé stessi, si cerca consiglio da un qualcosa, il quale, arriva dove la ragione non può.

Durante la crescita, il bambino, inserito in contesti sociali, i quali, influiscono sulle sue credenze e convinzioni, comincia a perdere di vista il suo interlocutore.

I limiti, dettati dai contesti sociali, famigliari, inculcano credenze, inseriscono dei filtri, che possono interferire tra una persona ed il suo inconscio.

Il dialogo interiore tra un adulto ed il suo sé, diviene molto più limitato rispetto a quando era bambino.

Il dialogo interiore, ti spinge ad arrivare dove la ragione non può. Il modo per salvare te stesso, è parlare con te stesso.

Cos’è il dialogo interiore di un adulto

Anche una persona adulta, ha un dialogo con sé stessa, ma in modo differente rispetto ad un bambino.

Le credenze limitanti, acquisite durante il periodo di crescita, fortificano il pensiero, la ragione, ed il modo di agire di un adulto.

Infatti, le convinzioni di una persona adulta, sono difficili da sradicare, tanto forti da credere che la realtà sotto i suoi occhi, sia più forte di una sua volontà.

L’adulto che parla con sé stesso, si incoraggia, cerca in ogni modo approvazione dal proprio inconscio.

L’adulto cerca dentro di sé delle risposte, le quali però, sono nettamente influenzate dalle sue credenze.

Nel momento in cui la persona si confronta con sé stessa, è consapevole della potenza dell’inconscio, non lo contraddice.

Quante volte ti è capitato di parlare con te stesso?

A volte, nemmeno ti rendi conto che lo stai facendo.

Nelle situazioni più difficili, continui a ripeterti “puoi farcela”, “sei forte”, cerchi in ogni modo, di essere il motivatore di te stesso.

Più il tuo inconscio ti incoraggia a fare cose a cui aspiri, più crescerà la tua autostima.

La tua parte istintiva, chiamata da Freud “es”, vuole sempre e solo il tuo bene. Il tuo “es” ossia l’inconscio, non ti spingerà mai a fare cose che vadano contro te stesso, fa parte dell’istinto naturale di ogni persona.

Proprio per questo motivo, le persone che hanno dialoghi interiori, si fidano completamente di sé stesse. Coloro che invece, hanno scarsa autostima, di solito tendono a non fidarsi della propria persona, credendo che ogni cosa che facciano sia sbagliata.

Il fatto di non avere un buon rapporto con il proprio es, inciderà tanto sul benessere psicologico.

Il dialogo interiore ti porterà alle tue soddisfazioni. L'inconscio ti guiderà verso ciò che è meglio per te.

L’inconscio

Ricordati, che l’inconscio non pensa, sente. Se cominci a ragionare, sai benissimo che quel pensiero non proviene dal tuo es.

Quindi, sapere cos’è il dialogo interiore, è fondamentale. Bisogna fidarsi di sé stessi per sentirsi appagati, è necessario fare i conti con il proprio istinto, è importante sapersi ascoltare, ma soprattutto darsi dei nuovi input ogni volta che si desidera.

L’unica persona che può fidarsi completamente di te, sei solo tu.

Se il tuo pensiero, coincide con ciò che senti, allora continuerai a vivere bene, se invece, il tuo pensiero razionale, si dovesse distaccare dal tuo modo di “sentire”, dialoga con te stesso, comprendi cosa stai sbagliando, ascoltati.

Il dialogo interiore, ti rafforza, ti motiva.

Esistono persone che dialogano con sé stesse anche ad alta voce, per rendere concreto quel discorso, razionalizzarlo e farlo proprio.

Il dialogo interiore, ci appartiene in modo naturale, fa parte del nostro essere sin da bambini, è la voce narrante della nostra storia.

Quella vocina nella tua testa, che spinge a farti agire un in determinato modo, è la parte di te che vuole solo farti stare bene, vuole incoraggiarti, sostenerti.

Impara ad ascoltarti, impara a dialogare con te stesso, elimina le tue convinzioni negative, le quali ti condurranno in situazioni in cui non ti riconoscerai.

Se coltivi la tua autostima, amandoti e credendo nelle tue capacità, il tuo inconscio, saprà indirizzarti verso ciò che ti rende felice ed appagato.

Migliora il rapporto con te stesso, fidati di te.

DominanteMente.

PER RICEVERE L’E-BOOK DOMINANTEMENTE CLICCA QUI SOTTO.

DominanteMente.vol1 Dominantemente vol2

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui social, aiuta Dominantemente a raggiungere più persone possibili. Grazie

Condividi l'articolo sui social

4 commenti

Lascia un commento