Come si può ritrovare se stessi?

Comprendiamo il senso di questa frase.

Spesso ti sarà capitato di affrontare diverse situazioni o eventi, che ti hanno fatto perdere l’idea che avevi di te stesso.

Ognuno di noi, cresce con la convinzione di essere in un certo modo, come dico nell’articolo sulle convinzioni limitanti, o meglio come ti hanno fatto credere che fossi.

Crescendo con l’idea di essere in un determinato modo “troppo buono”, “molto irascibile”, “poco educato” e così via, hai creduto pienamente di essere sempre ed ogni volta così.

Dunque, quando poi, arriva un evento che ti porta ad essere “diverso” da come hai sempre creduto, ecco il panico.

Il punto che le persone non comprendono, è che non è possibile essere sempre gli stessi, in ogni cosa e per sempre.

Dire ritrovare se stessi, quindi, non è poi così corretto. Non puoi essere la stessa persona che eri 10 anni fa e non puoi di certo fare sempre le stesse scelte.

Io, intendo il ritrovare se stessi, come lo star bene con se stessi, il riconoscere il proprio IO e valorizzarlo.

Dunque, seguendo quest’idea, vediamo i 3 punti che ti faranno ritrovare il te stesso senza filtri.

Per ritrovare se stessi, bisogna riconoscere il proprio IO.

Modi per ritrovare se stessi

1) Conosci te stesso

Quante volte avrai sentito questa frase? Credo tanto, ma forse pochi te l’hanno spiegata realmente.

Il conoscere te stesso, come dico nell’articolo su questo argomento, non significa riflettere l’idea che gli altri hanno di te.

Non puoi conoscerti attraverso gli altri, e non puoi credere sempre a ciò che gli altri pensano di te.

Come spiego nell’articolo sull’effetto pigmalione, le persone, ti etichettano per ciò che gli trasmetti, automaticamente, i tuoi comportamenti corrisponderanno alle loro credenze.

Ma non è questo il consiglio.

Tu devi conoscere te stesso attraverso i tuoi occhi, le tue sensazioni e le tue consapevolezze.

L’unico modo per conoscerti davvero, è osservarti in ogni comportamento che assumi e chiederti “perché lo sto facendo?”.

Se impari a conoscerti davvero, non perderai mai di vista il tuo essere, poiché capirai, che ogni situazione è a se, ogni tua azione non è mai per forza la stessa.

2) Non forzare un comportamento

Quante volte ti è capitato di agire o dire qualcosa solo perché qualcuno se l’aspetta?

Questo, è purtroppo un errore molto diffuso, che però, ti allontana dal tuo vero essere.

Assumere un determinato atteggiamento solo perché qualcuno se lo aspetta, significa sradicarsi.

Infatti, chi entra nel loop del “non so più chi sono”, ha sempre fatto l’errore sopra citato.

Nel momento in cui, ti comporti in un modo solo per compiacere altre persone, ti allontani dalla tua vera essenza. Dunque, ti sentirai smarrito, non saprai più davvero cosa ti appartiene e cosa no.

Per questo motivo, è importante che tu agisca sempre per ciò che ritieni giusto e valido per te e non per qualcun altro.

Non aver paura di mostrarti per la tua vera natura, meglio perdere chi non ti approva che perdere te stesso.

Per ritrovare se stessi, non bisogna cedere alle credenze degli altri.

Per ritrovare se stessi:3)Accetta il cambiamento

Uno dei motivi principali per cui una persona non riesce più a riconoscersi, è il fatto, che non si riesce mai ad accettare un cambiamento.

Se in una situazione capitata diverso tempo fa, ti sei mostrato in un certo modo, non è detto che per riconoscerti devi agire sempre in quel modo.

Siamo esseri dinamici, che si trasformano, che apprendono e assumono consapevolezza, dunque, non sei lo stesso di ieri e non sarai lo stesso di domani. Accettalo.

Molte persone dicono “non mi riconosco più, prima ero così.. “, ma menomale aggiungerei.

Se fossi sempre lo stesso, uguale a tempo fa, vuol dire che non hai imparato dagli errori, che non ti sei evoluto, che non sei cresciuto.

Non è possibile essere uguali a ciò che eravamo. Se in passato hai agito in un certo modo, è perché in quel punto, ti sentivi di fare così per ciò che conoscevi della tua vita.

Ora, sei sempre tu, ma con nuove conoscenze, nuove consapevolezze, dunque, non focalizzarti sul cambiamento.

Il punto principale per riconoscere se stessi, è agire sempre per ciò che si sente dentro, per ciò che fa stare bene. Non bisogna forzare un’azione solo perché l’abbiamo già fatta tempo fa.

Se non vuoi perdere mai la tua vera essenza, devi imparare ad accettare la tua evoluzione.

Impara a conoscerti mettendoti alla prova e non credere alle etichette che ti affidano gli altri.

Riconoscerai te stesso solo attraverso te stesso.

Dominantemente

PER RICEVERE IL LIBRO DI DOMINANTEMENTE CLICCA QUI SOTTO

IL SOLE SEI TU.

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui social, aiuta Dominantemente a raggiungere più persone possibili. Grazie.

Condividi l'articolo sui social

1 commento

Lascia un commento