Come confrontarsi con qualcuno che ha idee diverse dalle nostre?

In questo articolo, ti spiegherò 3 regole fondamentali per far valere il tuo pensiero senza essere calpestato, ma soprattutto senza spacciarlo per assoluta verità.

Il confronto, è lo scambio di idee pensieri e modi di essere, rappresenta la massima interazione tra due o più persone con il fine di mettere in tavola il proprio sapere.

Attraverso di esso, è possibile apprendere idee altrui, di utilizzarle, comprenderle, condividere oppure allontanarle dal proprio modo di essere.

Il fine ultimo, può essere utile oppure no, ma cambierà sicuramente determinate dinamiche comportamentali.

Esistono però 3 regole fondamentali per riuscire a rendere concreto il confronto con qualcuno.

Molti, sfociano in liti e discussioni accese, altri migliorano, ma questo dipende dal modo con cui si affronta il momento.

Molte persone, credono che il confrontarsi sia sinonimo di “scontrarsi”, escludendo l’idea dell’interscambio.

confrontarsi con qualcuno significa entrare nella sua anima e uscirne più ricchi.

Ecco come confrontarsi con qualcuno: Le 3 regole

Dunque, per evitare che un confronto possa causare situazioni in cui “chi lo subisce”, diventa vittima del pensiero altrui, ti darò queste 3 regole da seguire.

Per un confronto EFFICACE ED EFFICIENTE, è necessario che tu capisca queste cose:

PRIMA REGOLA: MAI SPACCIARE IL PROPRIO PENSIERO PER ASSOLUTA VERTA’.

Anche se l’hai verificata più volte, una situazione può sempre variare. La tua esperienza, così come quella altrui, non è mai la stessa per ogni persona.

Il tuo modo di percepire la realtà, è basato solo e semplicemente sul tuo mondo sensoriale, ovvero i tuoi 5 sensi. Come ho detto altre volte e come ci insegna la PNL, il tuo modo di percepire la realtà avviene attraverso i tuoi sensi.

Dunque, il tuo modo di percepire una situazione o una realtà oggettiva, è diverso da come può farlo qualcun altro.

Una realtà può essere oggettiva agli occhi di chi la osserva, ma il modo di vedere questa, è solo ed assolutamente soggettivo.

Tutto ciò che a te sembra in un certo modo, anche se molto evidente e palese, a qualcun altro può sembrare completamente diverso. Ma nessuno dei modi è per forza sbagliato.

Per questo motivo, alla base di qualunque tipo di confronto, deve esserci la consapevolezza che il MODO di vedere la realtà, varia, non è mai lo stesso.

Ecco che passiamo alla regola numero 2.

SECONDA REGOLA: IMMEDESIMARSI NELLA REALTA’ ALTRUI.

Nel momento in cui accetti e comprendi che il tuo modo di sentire, di vedere, di provare è diverso da qualunque altra persona, sei pronto per il punto numero 2.

Se vuoi ottenere un confronto funzionale ed efficace devi IMMEDESIMARTI nell’interlocutore.

Esistono delle cose specifiche che devi fare per riuscirci, ovvero:

  • Entrare in empatia con chi si ha difronte.
  • Comprendere anche se non si condivide un pensiero.
  • Osservare le cose dal suo punto di vista.

Non è detto che se non sei d’accordo con qualcuno tu, non debba comprendere ciò che dice.

Mettersi nei panni dell’interlocutore, significa vivere le sue emozioni provando le sue stesse sensazioni. Solo allora, potrai finalmente dire la tua, ma non prima.

Tutti sono bravi a giudicare scelte di cui non si comprende la motivazione.

Anche se non sei d’accordo, anche se ci tieni al tuo pensiero, anche se ti ostini a non cambiare idea, porta avanti la tua tesi, ma prima, accertati di volerlo davvero fare.

TERZA REGOLA: VERIFICA OGNI TUA IPOTESI E NON DARE NULLA PER SCONTATO.

Altra cosa fondamentale per riuscire a sostenere un confronto nel migliore dei modi è fare attenzione a NON DARE MAI PER SCONTATA UN’IDEA.

Battersi per i propri pensieri è cosa buona è giusta, ma bisogna capire quando è il momento di cambiare idea.

Non esistono certezze, non esistono verità oggettive, dunque, la tua realtà può variare in ogni momento.

Non puoi aggrapparti all’idea di qualcosa quando quella cosa non esiste più. Vai a vedere, verifica che ciò che dici sia davvero così, combatti per le tue idee, ma non darle mai per certe.

Il confronto è efficace, nel momento in cui questo, può arricchirti, può mostrarti cose che non hai ancora notato, può fortificare il tuo pensiero o abbatterlo per sempre.

Dare per scontato qualcosa, significa eliminare l’idea che questa cosa possa variare, significa limitarsi, non crescere.

L’importanza del confronto

Confrontarsi con qualcuno, è il massimo dell’interazione tra persone. Molti, sono davvero convinti che il confronto voglia dire SCONTRO.

Ma queste persone, non hanno ben capito che confrontarsi con qualcuno vuol dire volergli bene. Nessuno si cimenta così tanto in qualcosa senza un minimo di affetto.

Nessuno vorrebbe immedesimarsi nei panni di qualcun altro senza volergli bene.

Molte relazioni, che siano di amicizia o d’amore, finiscono per eliminare il confronto dalle loro vite. Inizialmente i confronti sono accesi, ma con il passare del tempo, si perde quella voglia di entrare in empatia con l’altro.

Si preferisce il silenzio al discorso, si preferisce il “lasciare andare” al chiarimento. Guarda caso, poi, queste relazioni tendono a finire.

Un rapporto senza confronto, muore pian piano. Non ci sono scambi di idee di pensieri e di emozioni, tutto si appiattisce e si preferisce evitare piuttosto che mettersi in gioco.

Il confronto, salva le relazioni, salva le famiglie salva le amicizie. Questo però, accade solo se i confronti avvengono in base alle 3 regole che ti ho sopra elencato.

Se mancano queste regole, non si fa altro che generare malessere. C’è chi vuole prevalere, chi fa la vittima, chi subisce il confronto senza dire la propria idea.

Dunque, impara a confrontarti seguendo le 3 regole che ti ho dato, chiedi chiarimenti, immedesimati nelle idee altrui, verifica le tue ipotesi, ma ricorda:

SE NON VUOI FARE NULLA DI TUTTO QUESTO, NON HAI PIU’ INTERESSE IN QUELLA PERSONA.

Impara a confrontarti e arricchisci la tua persona con nuove opportunità.

Dominantemente.

PER ACQUISTARE IL LIBRO CHE TI PERMETTE DI RAGGIUNGERE I TUOI OBIETTIVI E DI SUPERARE LE TUE PAURE ED INSICUREZZE, CLICCA QUI SOTTO.

IL SOLE SEI TU.

SE VUOI UNA CONSULENZA GRATUITA CON LA TUA MENTAL COACH INVA UN’EMAIL A:

mirianamentalcoach@libero.it

OGGETTO: CONSULENZA GRATUITA.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento