Si può affrontare la frustrazione che si prova dopo un momento negativo? Già conosci la risposta.

La frustrazione, è quel sentimento negativo che ti fa provare rabbia verso qualcosa che non sei riuscito ad ottenere. Rappresenta il mix perfetto di tristezza, delusione e inappagamento.

Il senso di frustrazione logora l’anima, abbassa l’autostima e la fiducia in se stessi. Ti spinge in un tunnel oscuro che ti travolge, ti porta a credere che non puoi fare di più di ciò che fai e tu ci crederai.

Esistono tantissime persone insoddisfatte del proprio presente, del proprio lavoro, della propria vita, ma restano lì, ferme senza far nulla per affrontare la frustrazione che sentono dentro.

La sensazione di inappagamento, si scaturisce dal momento in cui qualcosa è andato storto e non si ha avuto il coraggio ne di rimediare ne di provare ad affrontare il problema.

La frustrazione è di chi accetta qualcosa senza volerla davvero.

Se vuoi affrontare la frustrazione, smetti di credere al fallimento.

Impara ad affrontare la frustrazione

Per poter affrontare davvero il senso di frustrazione è necessario che segui bene tutti i passaggi.

Quante volte ti capita di osservare la vita di qualcun altro, che magari ha un bel lavoro o una bella famiglia e senti un senso di nervoso nello stomaco?

Ti è mai successo che durante la giornata guardando la tv oppure ascoltando le persone parlare ad un certo punto ti innervosisci?

Nel primo caso, il senso di inappagamento avviene poiché si riscontra negli altri quella realizzazione a cui aspiravi ma non sei ancora riuscito.

Nel secondo caso, succede quando coscientemente ignori la tua frustrazione.

Un solo input esterno, è sufficiente per ricordare al tuo inconscio ciò che non sei riuscito ad ottenere, provocandoti momenti di rabbia.

Dunque, non sempre si è a conoscenza di provare frustrazione, spesso, le persone non riescono ad ammettere nemmeno a se stesse ciò che provano.

Per poter affrontare il senso di rabbia che senti dentro, devi innanzitutto esserne consapevole.

Se vuoi affrontare la frustrazione, NON devi accontentarti.

Per superare la frustrazione devi:

  • Ascoltare ciò che hai dentro. Per sapere ciò che hai dentro, devi conoscere te stesso. Se non tiri fuori i tuoi bisogni, non riuscirai mai a soddisfarli.
  • Non arrenderti. Una volta scoperto le tue volontà, non devi mai mollare, ma devi agire sempre nella stessa direzione di ciò che desideri.
  • Non accontentarti. Se ti accontenti, NON godi. Smettila di credere a chi ti dice che bisogna accontentarsi per essere felici. Si accontenta chi ha paura di rischiare, chi ha paura di un fallimento, chi non vuole essere giudicato.
  • Comprendere il tuo valore. Se pensi di non valere, allora non cominciare affatto. I tuoi successi, sono direttamente proporzionali al valore e all’importanza che dai alla tua persona.
  • Tentare. Fallire una volta non significa fallire sempre, significa che potresti fare ancora di più di ciò che hai fatto. Se dopo un fallimento ti arrendi all’idea di non poter reagire, la tua frustrazione ti accompagnerà per sempre.
  • Devi decidere tu. Non ascoltare chi ti dice “ci hai provato, va bene così” oppure “forse non era la tua strada”. Solo tu decidi se era o meno la tua strada, nessun altro. Non dare ad altri il potere di decidere per te, solo tu hai il timone della tua vita.

Assodati e compresi questi punti, ti dico che solo se comprendi davvero ciò che senti puoi superare il senso di frustrazione che ti porti dentro.

Devi fare ciò che ti fa stare bene, devi agire per te stesso, altrimenti, il tempo passerà e rimarrai nella tua frustrazione, darai la colpa all’ingiustizia del destino.

Agisci quando puoi ancora fare qualcosa, non affidare la tua vita al caso. Tu sei responsabile della tua felicità.

Non accettare ciò che non ti sta bene, scegli con cura ciò che desideri per te stesso, senza limiti.

Dominantemente.

PER RICEVERE L’E-BOOK DOMINANTEMENTE CLICCA QUI SOTTO.

Dominantemente vol1 Dominantemente vol2

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo sui social, aiuta Dominantemente a raggiungere più persone possibili. Grazie.

Condividi l'articolo sui social

6 commenti

Lascia un commento