Accettare sé stessi, è un’impresa ardua ma non impossibile. Viviamo in una società in cui prevale il bello, il costume, l’apparenza, viviamo su stereotipi e luoghi comuni.

Per questo motivo, molte, anzi moltissime persone, non riescono a piacersi, poiché troppo lontane da questi modelli da “seguire”.

Tutti sono convinti che chi ha un corpo favoloso, vestiti stupendi e una vita agiata, sia felice, ma non sempre è così.

Come ho già detto nell’articolo su “come imparare ad accettarsi”, il punto principale, quello più importante è avere CONSAPEVOLEZZA di sé.

Per accettare davvero qualcosa, bisogna esserne CONSAPEVOLI.

C’è chi odia il proprio corpo, chi non sopporta il proprio carattere, c’è chi non ama l’ambiente in cui vive, chi non sta bene con sé stesso.

Ma qui, voglio proprio far capire come sa possibile accettare sé stessi, ti dirò una tecnica ben precisa e ben delineata.

Ti spiegherò prima la teoria e poi vediamo come metterla in pratica.

Accettare sé stessi: LA TEORIA INFALLIBILE

Ora ti parlerò di una teoria inventata da me, dunque, che non potrai cercare altrove, per il semplice fatto che ogni blog parla di ciò che conosce e per ciò che sente di dire. Qui, mi sento libera di esprimermi, di creare, di fare e disfare ogni cosa.

Questo è il mio mondo, il posto in cui tutto esiste, tutto può realizzarsi. Ora voglio creare il mondo di chi sa accettare sé stesso, di chi crede in ciò che è a prescindere da tutto. Benvenuto in Dominantemente.

LA TEORIA DEL POSSIBILE.

Questa teoria, si basa su un concetto semplicissimo: TUTTO ciò che desideri per te, è già PER TE.

Mettiamo caso, tu sia un bravo architetto, ti sei impegnato, hai studiato per ottenere questo lavoro. Non hai scelto di fare il medico, solo perché non sopporti il sangue o vedere le persone star male.

Ma mettiamo che tu un giorno decidessi di affrontare questa tua paura, dunque, ti iscrivi a medicina, pensi che non potresti farcela?

Se fino ad ora non hai fatto il medico, è solo ed esclusivamente per il fatto che tu NON l’abbia voluto, non perché non ne sei stato capace.

Dunque, da questo, puoi evincere, che se solo VOLESSIMO, potremmo riuscire in TUTTO. Così funziona il nostro cervello.

Si muove in una direzione proporzionalmente a quanto crede di riuscirci.

Ed ecco la parte più importante della TEORIA DEL POSSIBILE:

Se vuoi essere, sarai, se non lo sei, è solo perché tu, NON lo hai voluto.

Ma ora, vediamo come mettere in pratica questa teoria.

LA PRATICA

Mettere in pratica questo concetto, non è difficile. Per riuscire ad accettare sé stessi, bisogna CREDERE al fatto che, ogni cosa che si desidera, sia POSSIBILE.

Partendo da questo presupposto, sono 4 le azioni che devi compiere per riuscire ad accettare ciò che non ti piace di te stesso.

Come abbiamo detto più volte, prima di amare ogni altra cosa, devi amare te stesso.

Accettare sé stessi significa avere consapevolezza di ciò che sivuole diventare.

Le 4 azioni:

AZIONE NUMERO 1

Devi dire a te stesso ciò che non ti piace di te: “di me non mi piace questa cosa..” Dopo che hai fatto questo, devi domandarti secondo quale criterio questa “cosa”, non va bene.

“In base a quale principio o criterio questa cosa di me non mi piace?”.

Ti raccomando. RISPONDITI SINCERAMENTE.

AZIONE NUMERO 2

Una volta che ti sei risposto sinceramente, dunque, hai capito il motivo per cui non ti piace qualcosa di te, è arrivato il momento di capire cosa puoi fare per cambiarla.

Non venire a dirmi che già ci hai provato tante volte, perché se ci avessi provato e se l’avessi voluto realmente, lo avresti già fatto.

Dunque: “cosa posso fare per cambiare questa cosa che non mi piace?” Ricordati, che esiste sempre una soluzione, viviamo in un mondo dove valgono le leggi universali, dunque, nulla dettato dal caso.

Ogni cosa esiste in rispetto al suo esatto contrario e se si crea, può distruggersi.

Che sia l’aspetto fisico o un lato caratteriale, se proprio non ti piace ed i motivi per cui non ti piace sono davvero VALIDI, allora comincia il percorso di cambiamento.

Le tue motivazioni devono essere valide, se non lo sono e ti sei basato solo su criteri legati a giudizi altrui, allora non è il caso che tu cominci.

AZIONE NUMERO 3

Devi già essere quel cambiamento.

Quest’azione, si basa proprio sul comportamento.

DEVI COMPORTARTI COME SE AVESSI OTTENUTO QUELLO CHE DESIDERAVI.

Per eliminare ciò che non ti piace, devi comportarti in modo che “quella famosa cosa” non l’avessi più, come se fossi una persona nuova, che senza quel “difetto” vive meglio.

Ricorda, che ogni cambiamento che fai a te stesso, non solo deve essere voluto, ma deve MIGLIORARTI.

Dunque, devi agire credendo realmente di essere riuscito a superare quell’ostacolo, di aver cambiato ciò che non ti piaceva e di essere diventato ciò che desideravi. (Anche se inizialmente non è ancora così).

AZIONE NUMERO 4

Devi sentire cosa provi.

Dunque, dopo aver capito cosa non riuscivi ad accettare di te, dopo aver fatto qualcosa per cambiarlo ed esserti comportato come tale, devi SENTIRE CHE EMOZIONE TI SUSCITA IL FATTO DI ESSERE CAMBIATO.

Non dire “come faccio?”, poiché è talmente naturale, che se non ti riesce, è perché hai sbagliato qualcosa nei passaggi precedenti.

Il CREDERE, non significa mentire a sé stessi fingendo che sia così, ma essere davvero convinti di riuscire a farlo.

Se ti immedesimi, nella persona che vuoi davvero diventare con tutto te stesso, sentirai dentro di te delle emozioni, delle sensazioni, che indicano quanto stai bene con il nuovo TE.

Le emozioni che provi, sapranno dirti se questo cambiamento che hai fatto, è davvero ciò che ti serviva per vivere meglio e in pace con te stesso.

Se invece così non fosse, allora probabilmente, quel cambiamento che hai portato a te stesso, era semplicemente una volontà di qualcun altro che ci teneva a vederti diverso e tu, ci hai creduto.

SCEGLI CHI ESSERE e chi diventare, ma ricorda, DEVI VOLERLO.

Dominantemente.

SE VUOI ACQUISTARE IL LIBRO CHE TI AIUTA A RAGGIUNGERE I TUOI OBIETTIVI ED A SUPERARE LE TUE PAURE ED INSICUREZZE CLICCA QUI SOTTO.

IL SOLE SEI TU.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento